Archivi categoria: Blog Itself

Contiene i post inerenti al blog in sè: gli aggiornamenti generici e gli avvisi.

Focus on: Shiftry

Buon pomeriggio a tutti! Prima di introdurre l’argomento di oggi, vorrei segnalarvi l’avvenuta affiliazione di Pokédexpress con tre noti siti del Poké-web italiano: Pokémon Brothers, Vera’s Tales Site e Pokémonplace, e con il forum, del quale faccio anche parte, Ilex Forest (che vi invito a visitare!). Potete raggiungere i tre siti, così come il forum, cliccando sui rispettivi link nella sidebar a destra.

Ma ora cominciamo con l’articolo! Come potete leggere dal titolo, si tratta di un Focus on dedicato ad uno dei miei Pokémon preferiti in assoluto, il misterioso e subdolo Shiftry!

Shiftry

#275 - Shiftry

Shiftry, noto come il Pokémon Burbero, per via del suo carattere non proprio socievole, è uno dei tre Pokémon – insieme a Nuzleaf, il suo stato evolutivo precedente e Cacturne (tutti e tre introdotti nella Terza Generazione) – a possedere un doppio tipo molto particolare: Erba/Buio.
Shiftry si porta dietro una marea di leggende e credenze negative sul suo conto: molte persone del Mondo Pokémon, infatti, sostengono che questo Pokémon goda nel far del male agli essere umani che si avventurano nel cuore della foresta – luogo in cui risiedono solitamente gli Shiftry. Questa sua indole malevola, spiegherebbe la sua classificazione Pokédex in lingua inglese, che lo conosce come il “Wicked Pokémon“: Pokémon malvagio. Tuttavia, dal momento che si sostiene che nessun Pokémon sia cattivo per natura, si pensa che gli Shiftry reagiscano in questo modo solo perchè sentono minacciato il loro territorio. Questi Pokémon infatti, sono molto territoriali e amano tenere sotto controllo la loro zona posizionandosi tra le cime degli alberi più alti, preferibilmente plurisecolari, dando ordini, ma allo stesso tempo tutelandoli, a grandi gruppi di Seedot e Nuzleaf (le sue pre-evoluzioni.) Proprio per questo motivo si narra che Shiftry fosse un tempo un temuto guardiano delle foreste.
Una delle abilità più famose di questo Pokémon è senza dubbio la sua capacità di creare delle impressionanti raffiche di vento tramite l’utilizzo delle sue mani a forma di foglie. Queste potentissime raffiche, possono arrivare a sfiorare i 30 m/s, spazzando via ogni cosa, persino interi edifici. Dal momento che Shiftry è capace di creare anche della raffiche di vento gelido (nei giochi infatti è l’unico Pokémon a non essere neanche parzialmente di tipo Ghiaccio o Acqua, capace di apprendere Ventogelato), si creda che arrivi nei boschi trasportato dai freddi venti invernali.
Un’altra importante abilità di questo pokémon è quella di poter leggere nella mente del suo avversario, riuscendo così ad anticiparlo.

Ciò che rende questo Pokémon incredibilmente affascinante, oltre all’alone di mistero che si porta dietro, è il fatto che sia ispirato ad una delle creature mitologiche giapponesi più subdole e malefiche: il tengu.
I tengu infatti, sono delle creature che condividono molti aspetti, sia fisici che comportamentali, con Shiftry: vengono dipinti come degli uomini-uccello, con un naso prominente ed una folta chioma di capelli. Una particolare specie di tengu, i daitengu (notare il nome originale giapponese di Shiftry: Daatengu) hanno l’aspetto più umano, la pelle rossiccia, e sono spesso ricoperti di piume. Secondo alcune leggende, i daitengu possiedono dei ventagli (hauchiwa) fatti di piume o di foglie, con i quali provocano fortissime raffiche di vento, e delle calzature di legno chiamate “tengu-geta“, che ricordano palesemente la forma dei piedi di Shiftry.
Ancora scettici sul fatto che Shiftry sia ispirato ad un tengu? 😀
Bene, allora sappiate che anche i tengu, proprio come il nostro Shiftry, vivono nel cuore delle foreste, si divertono a fare orrendi scherzi (anche mortali!) ai passanti ed hanno l’abilità di leggere il pensiero!
Be’, direi che ora non dovrebbero esserci più nessuna perplessità! 😀

I grotteschi e sempre in vista denti digrignati di Shiftry, oltre a rappresentare fedelmente la sua personalità, son dovuti al fatto che lo stesso Pokémon sia ispirato in parte anche ad uno schiaccianoci. La sua forma base infatti, Seedot, è palesemente ispirata ad una ghianda.

Per quanto riguarda il significato del suo nome, possiamo supporre che Shiftry venga fuori dall’unione e corruzione delle parole “shifty” (losco, schivo) e tree (albero).

Nei giochi Shiftry può imparare una serie di attacchi potentissimi, tra cui Vorticerba e Verdebufera, semplicemente salendo di livello – che sono anche gli unici dua attacchi che impara in questo modo, dal momento che si evolve con l’aiuto di Pietrafoglia – e molti altri che impara tramite MT, come i devastanti Esplosione, Gigaimpatto e Solarraggio.

Nell’anime, anche se per corti lassi di tempo, Shiftry ha avuto dei ruoli centrali all’interno della squadra di Tyson (uno degli avversari di Ash nella Lega di Hoenn) e in quella del Sire Palazzo Spartaco (uno dei Frontier Brain della regione di Kanto).
In un episodio della serie Advanced, uno Shiftry selvatico rapisce l’Infermiera Joy, causando il panico tra la gente del luogo. Tuttavia, andando avanti con l’episodio, si scopre che il suo scopo era quello di farle curare un Nuzleaf ferito.

Chiudo qui l’articolo su quella “belva sovrumana” (tanto per citare un epiteto dato ad un presunto tengu in Conan) di Shiftry! Spero che l’articolo sia stato di vostro gradimento! Fatemi sapere cosa ne pensate utilizzando lo spazio apposito, qui in basso, per i commenti! 😉

Alla prossima!

Greatmickey

Annunci

Apertura Blog

Salve a tutti!
Benvenuti su Pokédexpress, il blog dedicato agli oramai storici mostri tascabili di casa Nintendo (per chi non l’avesse ancora capito, i Pokémon), rivolto ai fan della vecchia guardia (come me: avevo appena 10 anni – età per iniziare il viaggio come allenatore di Pokémon – quando nel 2000 approdarono in Italia i 150 + 1 Pocket Monsters) e alle nuove leve!

Il lavoro che ho intenzione di fare in questo blog è quello di parlare, ricordare, analizzare, in modo pseudo-serio le storie, le leggende, i segreti e le stranezze del mondo dei Pokémon, passando per i giochi, l’anime, il manga, ecc.
Per ora il blog è in fase d’assestamento, quindi i contenuti potranno variare ed essere ampliati in seguito. Quel che ho in mente per iniziare è una serie di articoli che analizzano ogni singolo Pokémon, che inserirò in un’apposita Categoria chiamata “Focus on” appena scoprirò come si fa! 😉

Ma prima di iniziare è giusto che mi presenti! Il mio nickname qui è greatmickey (con un’odiosa g minuscola iniziale – non capisco perchè WordPress non consenta le maiuscole nei nick), ma forse qualcuno di voi mi conoscerà come Mickey (in Pokémon Millennium e Ilex Forest) o come GreatMik (su DeviantArt). Ho 21 anni (22 tra qualche giorno) e sono uno studente universitario appasionato di anime, manga, disegno, grafica e altra roba che non vi scrivo per non annoiarvi.

Spero che il mio progetto funzioni, perchè era da molto che pensavo di fare una cosa del genere!
A presto con il primo articolo: un Focus on su…chi altro se non il Pokémon #001? Avete capito bene, si parlerà del mitico Pokémon Seme, Bulbasaur!

See you,
Greatmickey