Archivi categoria: Controversie

Contiene articoli riguardanti le controversie e gli errori del mondo Pokémon.

Il nuovo tipo Fairy (Folletto)!

Salve a tutti! Rieccomi qui, a scrivere sul mio tanto adorato quanto abbandonato blog, per dirvi la mia sulla più grande (credo) novità introdotta nel mondo Pokémon con l’avvento delle versioni X e Y: il nuovo tipo Folletto!

fairies2

Flabébé, Sylveon e Xerneas, tre “fate” di Sesta Generazione

[Prima di cominciare a parlarne, vorrei fare un piccolo appunto sulla TERRIBILE traduzione italiana del termine Fairy. Ca**o, “Fairy” è palesemente “Fata”, così era intesa in giapponese e così è stato tradotto in TUTTE le lingue disponibili per X e Y. Mi spiegate ora perché in Italia questo tipo debba chiamarsi Folletto?! Ma che min**ia c’entra il Folletto con le Fate? Bah.
Che poi, a dirla tutta, il termine Fairy esisteva già come Gruppo Uovo, ed in Italia era stato molto poco discutibilmente tradotto col molto più pertinente “Magico“. Al limite, ma dico proprio al limite, non potevano riutilizzare quello?! No, Folletto. Cioè, FOLLETTO. Mah. Anyway, io ho deciso che continuerò a chiamarlo Fata, o Fairy, quindi non stupitevi se nell’articolo leggerete questi termini al posto di FOLLETTO.]

Chiusa la “piccola” parentesi parliamo un po’ di quel poco che si sa di questo nuovo tipo!
Il tipo Fata, che molti già avevano speculato nel periodo del “di che tipo è Sylveon?” sembra essere un tipo che copre quella serie di Pokémon dall’aspetto fatato, magico (e spesso rosa confetto), capaci di utilizzare alcune peculiari abilità che spaziano da un dolce canto assopente (Jigglypuff) alla totale condivisione di emozioni e sensazioni (Gardevoir). Dal poco che si sa, inoltre, è venuto fuori che il tipo Fata avrà super-efficacia contro il tipo Drago, e secondo alcuni rumors anche contro Buio e Lotta. Sarebbe inoltre – sempre ascoltando i rumors – debole a Veleno e Acciaio e causerebbe un danno dimezzato a Fuoco e Psico.

Come ho appena anticipato, Sylveon, la nuovissima evoluzione del Pokémon Eevee, è uno dei nuovi Pokémon appartenenti a questo tipo, insieme al piccolo Flabébé, il leggendario Xerneas e gli ultimi arrivati Spritzee e Swirlix, sebbene di loro si sappia ancora ben poco.
Ma la novità legata al tipo Fata, è che alcuni vecchi Pokémon verranno riclassificato sotto di esso, rendendoli così parzialmente o totalmente di quel tipo!
Jigglypuff, Marill e Gardevoir, sono già stati confermati rispettivamente Normale/Fata, Acqua/Fata e Psico/Fata.

Quello che mi andava di fare ora, era speculare sui possibili altri Pokémon che potranno subire un cambiamento di tipo con l’introduzione di Fata. Eccovi qui la mia lista e le mie motivazioni:

fairies

Cleffa, Clefairy e Clefable, presunti tipi Fata

Cleffa, Clefairy e Clefable

Questi tre Pokémon sono forse quelli che più di tutti sono riconducibili al mondo delle fate e della magia (Clefairy ha addirittura la parola -fairy nel nome!). Le loro descrizioni Pokédex parlano spesso di come siano stati visti compiere azioni magiche come raccogliere la luce della luna e saltellare sulla superficie dell’acqua. Inoltre si evolvono con l’ausilio di Pietralunare, e la luna sembra essere ricondotta a questo tipo, dal momento che uno dei nuovi attacchi di Fata rivelati è proprio Forza Lunare.
Personalmente non saprei dire se manterranno il tipo Normale (diventando così come Jigglypuff, Normale/Fata) oppure se cambieranno totalmente tipo diventando completamente di Fata. Inoltre è probabile, come succede spesso coi Baby, che sono di un tipo diverso – spesso Normale – rispetto alla loro catena evolutiva (vedi Azurill), che Cleffa non subisca alcuna variazione di tipo.

Igglybuff, Jigglypuff e Wigglytuff

Molto meno scontati dei primi tre, questi tre Pokémon sono candidati ad essere parzialmente di tipo Fata, dal momento che Jigglypuff ne è già stato confermato appartenente. Molto presumibilmente, dunque, anche Wigglytuff avrà l’aggiunta del tipo Fata ad accompagnare il suo vecchio tipo Normale, mentre per Igglybuff potrebbe verificarsi lo stesso fenomeno dei Baby di cui parlavo prima. Anche nell’evoluzione di Jigglypuff, così come in quella di Clefairy entra in gioco la Pietralunare.

Happiny, Chansey e Blissey

Il Pokémon simbolo dei Pokémon Center da Kanto a Sinnoh, Chansey, e le sue rispettive pre ed evoluzione, Happiny e Blissey, con i loro poteri magici di guarigione e le leggende che girano attorno al loro portar fortuna e felicità, sono dei grandi candidati alla riclassificazione sotto il tipo Fata. Anche qui entra in gioco il fattore Baby Pokémon per cui, probabilmente, solo Chansey e Blissey avranno l’aggiunta del secondo tipo, mentre Happiny potrebbe restare Normale.

Togepi, Togetic, Togekiss

Togepi a parte, i due Pokémon alati Togetic e Togekiss sono palesemente ricollegabili al mondo delle fate. Mentre Togekiss è più facilmente ricollegabile ad una colomba della pace (non a caso è a forma di uovo di Pasqua!), Togetic è palesemente un essere fatato, riconducibile alle silfidi, dei piccoli esseri fatati, spiriti elementali dell’aria (Togetic e Togekiss sono per metà di tipo Volante) che vivono pacificamente nei boschi. Essendo Pokémon con un doppio tipo, è presumibile che, nel momento in cui si decida di riclassificarli sotto il nuovo tipo, i due Pokémon diventino Fata/Volante (o Volante/Fata), anziché Normale/Volante, mentre Togepi potrebbe rimanere Normale, diventare solo Fata, o avere il doppio tipo Normale/Fata.

Azurill, Marill, Azumarill

Questi tre Pokémon, che personalmente non avrei mai collegato al tipo Fata, sono degni di menzione dal momento che lo stadio centrale della catena, Marill, è già stato confermato facente parte a questo tipo! Al precedente tipo Acqua, è stato aggiunto il nuovo tipo Fata, quindi, si presume che anche Azumarill sarà sottoposto a quest’aggiunta. Non è detto invece che anche Azurill acquisisca il tipo Fata per via del fatto che si tratti di un Baby Pokémon.
Una teoria a cui mi ha fatto pensare il mio amico Manny, è che invece Marill potrebbe ricevere un’evoluzione alternativa ad Azumarill. Qualora questa possibilità si rivelasse vera, la nuova evoluzione potrebbe essere di tipo Fata, o Acqua/Fata, consentendo così ad Azumarill di rimanere solamente d’Acqua.

Snubbull e Granbull

In questi due Pokémon, personalmente, non vedo nulla di fatato. Li ho inseriti nella lista per due motivi ben chiari: A) sono riconosciuti nel Pokédex come i Pokémon Fata, B) sono del Gruppo Uovo Magico (Fairy in inglese). Sinceramente non ho mai capito che diamine abbiano di fatato due pitbull incazzati (vestitino di Snubbul a parte), ma dal momento che la loro denominazione Pokédex è quella, credo proprio che rientreranno a far parte del nuovo tipo Fata!

fairies3

Manaphy, Jirachi e Celebi

Celebi

Nonostante sia già “dual-typed”, il Pokémon Psico/Erba Celebi, potrebbe benissimo perdere uno dei due tipi per favorire il nuovo arrivato. Personalmente credo che sarebbe più corretto lasciare il tipo Erba, visto il suo legame con le piante e far cadere Psico, facendolo diventare così Fata/Erba! L’aspetto di Celebi è molto fatato e follettoso (così sono contenti anche gli italian-fags) perciò lo vedo bene come Pokémon di tipo Fata!

Gardevoir

Gardevoir. Gardevoir è già stato confermato di tipo Fata, non c’è molto da aggiungere a parte il fatto che sia un tipo molto azzeccato. Ho scritto solo lui perché credo che Ralts e Kirlia, le sue pre-evoluzioni, rimangano unicamente di tipo Psico, cosìcché, evolvendosi, potrebbero diventare Psico/Fata se Gardevoir, o Psico/Lotta se Gallade.

Mawile

A Mawile, sinceramente parlando, non ci avrei mai pensato, se il famoso “leaker” di Pokébeach non mi avesse messo questa pulc… ehm… Joltik nell’orecchio! Secondo lui, che già tempo fa preannunciò il tipo Fairy, Mawile sarebbe stato uno dei candidati al nuovo tipo, diventando così Acciaio/Fata. Secondo me è molto probabile questa cosa, soprattutto perché credo che sia lui che Sableye riceveranno un’evoluzione in questi giochi, quindi non sarebbe male esplorare questa nuova combinazione di tipi!

Milotic, Castform, Chingling, Chimecho e Luvdisc

Ho messo questi Pokémon tutti nello stesso gruppo perché sono per me tra i più improbabili ma allo stesso tempo probabili. Milotic, be’, è una sirena, potrebbe essere considerato un essere fatato, Castform, Chingling e evo sono esserini magici e campanellosi e Luvdisc ha poteri magici che portano amore. Chissà.

Jirachi

Jirachi è un Pokémon dai poteri magici straordinari. È infatti capace di esaudire ogni desiderio proprio come un genio della lampada! Questa peculiarità, a mio avviso, lo rende un attimo candidato al tipo Fata, eliminando così lo scomodo e casuale tipo Acciaio, e facendo spazio al doppio tipo Fata/Psico!

Uxie, Mesprit e Azelf

Già nei loro nomi è racchiusa la loro “follettitudine”. Se davvero dev’esserci un Pokémon Folletto, nessuno è meglio candidabile di questi tre! I tre folletti sono, per il momento, solo di Psico, ergo l’aggiunta del tipo Fata sarebbe semplice e indolore! 😛

Cresselia

Cresselia, in inglese “the Lunar Pokémon” è un Pokémon magico e brillante che prende i suoi poteri direttamente dalla luna. Per questo motivo è facilmente riconducibile al tipo Fata, che, a quanto pare, è strettamente collegato al nostro argentato Satellite.

Phione e Manaphy

Essendo ispirati ai “sea angels” questi due piccoli esserini, protettori e guardiani dei mari, potrebbero ricevere come secondo tipo ad Acqua, il tipo Fata.

Munna e Musharna

Munna e Musharna sono Pokémon dalle abilità molto misteriose. Sono capaci infatti di esplorare e rendere tangibili i sogni di umani e Pokémon tramite l’utilizzo di un magico fumo rosa. Queste loro abilità speciali, il loro essere molto confettosi (Munna è rosa a fiori!) e il fatto che evolvano tramite l’utilizzo di Pietralunare, li rendono due possibili Psico/Fata.

Audino

Audino potrebbe essere ricollegato al tipo fata per le stesse motivazioni di Chansey. Anche lui ha poteri magici legati alla guarigione ed un aspetto molto – per utilizzare acnora un termine amato dalla Pokémon Company Italia – follettoso.

Chansey

#113 – Chansey

Molti altri Pokémon potrebbero essere collegati a questo nuovo tipo, ma ho deciso di non annoverarli per mancanza di argomentazioni forti. Parlo soprattutto di Skitty, Delcatty, Dunsparce, Buneary e Lopunny. I primi evolvono mediante l’utilizzo di Pietralunare, ma sono semplici gatti. Il secondo è un esserino leggendario con le ali da fatina e gli ultimi sono ispirati alla leggenda del coniglio della luna (non notate le somiglianze tra Lopunny e Sailor Moon?)

Con questo, chiudo quest’intervento, forse un po’ troppo lungo, ma di certo anche magico!
Va be’, prima che cominci a sparare altre minchiate, vi saluto! Ciao!

GreatMik

La controversia di Pietrabrillo, Neropietra e Pietralbore

Salve a tutti! Sono lieto di presentarvi il mio più recente articolo che inaugura la categoria “Controversie“. Il mondo dei Pokémon (quello reale e tangibile, l’impero di Satoshi Tajiri insomma – non quello sul quale sculetta Ash), come ogni business che si rispetti, ha le sue magagne, le sue inconsistenze e i suoi errori;  l’intento della categoria “Controversie” è proprio quello di parlare di questi argomenti un po’ oscuri, sia per motivi ignoti ai più, che per banali errori di traduttori e mediatori.

Proprio di quest’ultima categoria d’errori si parlerà in quest’articolo, più in particolare, della discutibile traduzione dei nomi delle Pietre Evolutive aggiunte nella quarta generazione: Pietrabrillo, Neropietra e Pietralbore.

stones

Pietrabrillo - Neropietra - Pietralbore

Pietrabrillo, una peculiare pietra trasparente che racchiude un bagliore giallo al suo interno, è la Pietra Evolutiva che è capace di far evolvere Roselia in Roserade, Togetic in Togekiss e Minccino in Cinccino.
Neropietra, è una pietra di colore viola scuro, che nasconde al suo interno un alone tetro più buio del cielo notturno. Con questa pietra è possibile far evolvere Murkrow in Honchkrow, Misdreavus in Mismagius e Lampent in Chandelure.
Pietralbore, invece, che è una pietra di colore azzurro che si dice abbia lo stesso luccichio degli occhi,  è capace di far evolvere Kirlia maschio in Gallade e Snorunt femmina in Froslass.

Ma arriviamo al dunque: i nomi Pietrabrillo e Pietralbore, sono traduzioni letterarie delle versioni americane Dawn Stone e Shiny Stone, mentre Neropietra (in inglese Dusk Stone) è una delle solite sceltacce all’italiana per quel che riguarda la traduzione del materiale giapponese.
Per quanto riguarda i nomi italiani, notiamo che concettualmente, nessuna delle tre pietre sembra collegata ad un’altra, in quanto le desinenze -brillo, Nero- e -albore, non hanno nulla a che fare tra loro. Prendendo in esame i nomi in inglese invece, notiamo che Dusk Stone (letteralmente Pietramonto – pietra + tramonto) e Dawn Stone (Pietralba – pietra + alba) richiamano i concetti di alba e tramonto, sembrando quindi due pietre uguali ed opposte, lasciando fuori dal giro la Shiny Stone.

Ma non è così! In realtà sono Pietrabrillo e Neropietra ad essere complementari, mentre Pietralbore è una stand-alone, in quanto i suoi effetti si realizzano soltanto se vengono soddisfatte alcune variabili (il sesso del Pokémon).
Vediamo perchè:

I nomi giapponesi, e quindi quelli originali, delle tre pietre, rispettivi all’ordine in cui compaiono nell’immagine in alto,  Light Stone, Dark Stone e Awakening Stone, letteralmente “Pietra Luce”, “Pietra Buio” e ” Pietra Risveglio” ci rivelano la vera natura delle tre Pietre Evolutive.

Innanzitutto, ci accorgiamo che Light Stone e Dark Stone sono due pietre complementari, che prendono il “potere” rispettivamente dalla luce e dalle tenebre. Infatti, i primi due Pokémon sui quali la Light Stone ha esercitato il suo potere evolutivo, sono concettualmente collegati alla luce: Roselia è di tipo Erba e porta con sè delle rose che ,come la maggior parte dei fiori, hanno bisogno di luce per sopravvivere e crescere, e Togetic è un Pokémon attivo prevalentemente di giorno. Specularmente, i primi due Pokémon sui quali ha avuto effetto la Dark Stone, sono entrambi Pokémon che vivono nell’ombra: Misdreavus è uno spettro e Murkrow è un Pokémon notturno di tipo Buio.
Anche il nome della Awakening Stone è fortemente collegato al suo effetto: infatti, è come se, grazie all’ausilio di questa pietra, si “risvegliasse” l’evoluzione dormiente di un Pokémon del quale già si conosceva una possibile forma evoluta. Il fatto che la pietra abbia effetto solo su Snorunt femmina e su Kirlia maschio non è difficile da capire se analizziamo le loro forme evolute ottenute tramite il semplice allenamento.
Gardevoir ha un aspetto essenzialmente femmineo, una longilinea silhouette con strascico bianco. Ecco perchè il “Pokémon dormiente” in un Kirlia maschio ha le fattezze di un combattente, caratteristica prettamente mascolina.
Glalie invece, è ispirato ad una creatura mitologica maschile del folklore giapponese: l’Oni. Di tutta risposta, il “Pokémon dormiente” in uno Snorunt femmina è ispirato ad un’altra creatura mitologica giapponese: la Yuki-Onna, lo spirito di una donna in kimono che fluttua per le nevi: non vi ricorda per niente il nostro Froslass? 🙂

E con questo è tutto! Spero abbiate trovato interessante il mio articolo (e non dimenticate quindi di commentarlo)!
Ci vediamo alla prossima con un Focus on: Wartortle!

Greatmickey