Archivi Blog

Focus on: Delibird

Buon pomeriggio a tutti, miei cari lettori e lettrici! Vi chiedo scusa per questa mia lunga assenza, ma sono stato molto impegnato con l’università e gli “oneri” natalizi. Finalmente con un peso un meno (ho finito gli esami!) e un po’ di libertà in più, eccomi qui a regalarvi un articolo a tema! Cosa c’è, quindi, di più natalizio nei Pokémon se non il nostro caro vecchio Delibird? 😀 Enjoy the article (and the Christmas time)!

delibird

#225 – Delibird

Delibird, schedato nel Pokédex come il Pokémon Consegna (denominazione dovuta alla sua attidudine a consegnare oggetti – che siano spediti  da mittenti a destinatari terzi o che provengano direttamente dal Pokémon stesso – a persone e Pokémon; da qui quindi la derivazione del suo nome: delivery, appunto, consegna, + bird, uccello) è un Pokémon appartenente alla Seconda Generazione.
Spesso questo Pokémon, soprattutto nel Pokéweb, viene associato alle festività natalizie proprio perchè per il suo concept gli ideatori si sono ispirati nientedimeno che…a Babbo Natale!

Analizziamo un po’ le comunanze e i rimandi tra il nostro Delibird e il vecchio Santa Claus:
Rosso e Bianco sono colori preponderanti in entrambi;
– Enbrambi portano un sacco che contiene doni;
– Sia Delibird che Babbo Natale, quindi, hanno l’attitudine alla consegna e il modo in cui lo fanno è volando (Delibird è in parte di tipo Volante infatti);
– Entrambi vivono al Polo. Per questo Delibird è ispirato ad un pinguino ed è in parte di tipo Ghiaccio;
– La peluria bianca sotto il mento di Delibird ricorda molto la barba folta di Babbo Natale;
– Sull’addome di Delibird troviamo una porzione di pelo bianco che ricorda uno dei bottoni sul giaccone rosso di Santa Claus.

– Dimenticavo! Entrambi sono esseri di fantasia! D: (nu! Babbo nuuu!)

Convinti ora? 😀
Be’, diciamo che per molti non era affatto una novità, ma siccome ci troviamo in ambito natalizio, avevo voglia di non andare fuori tema! 🙂

Dimentichiamoci ora degli aspetti natalizi di Delibird e passiamo ad una parte più attiva: quella dei combattimenti!
Essendo un Pokémon di tipo Ghiaccio/Volante, Delibird è capace di imparare ed utilizzare un range di mosse veramente potenti come Geloraggio, Bora, Aeroassaldo e l’immancabile MN Volo.
Ma il suo attacco più famoso è senza dubbio Regalino (sua signature move, mossa rappresentativa che, a parte accoppiamento o eventi, può imparare solo lui) che ha due differenti effetti: potrebbe infliggere danno all’avversario, come potrebbe però rinvigorirlo ricaricandogli i PS. Nell’anime, per utilizzare la mossa, Delibird fruga nella sua coda a forma di sacco, tira fuori un pacchetto regalo e lo consegna all’avversario. Quando quest’ultimo lo spacchetta, viene colpito dalla potenza dell’attacco solo se esso esplode.

Nell’anime Delibird compare spesso come aguzzino di Jessie, James e Meowth, che dovrebbero, in teoria, consegnargli i soldi che sono riusciti ad ottenere in quel lasso di tempo.
Nell’episodio AG177, mentre Ash, Brock, Vera e Max si dirigevano verso la Piramide Lotta presso Kanto, decidono di fermarsi a Plumbeopoli nella palestra di Brock. Proprio a Plumbeopoli si trovava anche il Team Rocket (ma va?) che riceve da Delibird due Pokéball contenenti un Aggron e un Charizard con i quali sfidano Ash e Brock nella palestra per riuscire a prendere quel maledetto Pikachu.
Tuttavia a fine episodio Delibird torna a prendere le Pokéball lasciando intendere che la consegna sarebbe dovuta essere per Butch e Cassidy e non per Jessie e James.

Che altro dire, Delibird è proprio un fico, ma ha davvero bisogno di un’evoluzione! Spero che il maestro Sugimori si svegli e cambi rotta. Non mi è piaciuta affatto ‘sta storia della Quinta Generazione completamente discostata dalle precedenti quattro, spero vivamente che si ravveda!

Be’, per oggi è tutto miei cari lettori, non mi resta che augurarvi un Felice Natale e, se non dovessimo sentirci prima, un Magnifico Buon Anno Nuovo! Merii Kurisumasu!!! 😀

Focus on: Glaceon

Salve a tutti! Era da un po’ che non ci sentivamo eh? “Purtroppo” ho avuto una serie di impegni che mi ha tenuto (e continua a tenermi) lontano da questo genere di impegni cibernetici, ma ora che ho trovato un buco di tempo, ne approfitto per propinarvi un nuovo Focus on!

Mi chiedevate di parlare di una delle Eevoluzioni? Vi accontento subito proponendovi un (spero) interessante articolo su Glaceon!

glaceon

Glaceon

Proprio quando i fan non se lo aspettavano più, ad una generazione di distanza da Umbreon ed Espeon, ecco approdare con la Quarta Generazione (quella più succosamente piena di evoluzioni e pre-evoluzioni di Pokémon di generazioni precedenti) due nuove evoluzioni di Eevee (conosciute dai fan come “Eevoluzioni – Eeveeluzioni): Leafeon e Glaceon!
Mentre Leafeon era la tanto attesa e speculata evoluzione d’Erba di Eevee, Glaceon, di tipo Ghiaccio, rappresentò all’epoca una vera e propria novità.
A differenza dei precedenti metodi evolutivi, per far evolvere un Eevee in Glaceon o in Leafeon, bisogna farlo salire di livello nei pressi di Roccia Ghiaccio o Roccia Muschio rispettivamente.
Dal momento che, prima dell’avvento di Nero e Bianco, le due rocce di cui sopra si trovavano solamente nella regione di Sinnoh, è impossibile far evolvere Eevee in Glaceon/Leafeon nei remake di Oro e Argento.

Glaceon è classificato nel Pokédex come il Pokémon Nevefresca per via del fatto che grazie alla sua abilità di ridurre vertiginosamente la sua temperatura corporea, è capace di congelare l’atmosfera circostante, trasformandola in piccoli cristalli di neve. Congelando la sua pelliccia inoltre, analogamente ad un’altra Eevoluzione, Jolteon, può rizzare i singoli peli trasformandoli in veri e propri aghi affilati.

Osservando l’aspetto di questo Pokémon, notiamo che, oltre che per il singolare “copricapo” (simile ad un copricapo da sherpa) che porta sulla fronte, è caratterizzato da forme romboidali.
La tesi più probabile che giustifica questa scelta “geometrica” è probabilmente il richiamo alle forme dei cristalli di ghiaccio, solitamente appuntiti e regolari; con molta fantasia infatti, ponendo il viso di Glaceon come centro, i pendagli blu e le sue lunghe orecchie a punta, potrebbero ricordare appunto la forma classica a fiore di un cristallo di ghiaccio.
I colori che caratterizzano Glaceon sono tutti appartenenti alla scala dei blu, colori freddi quindi, per indicare la sua natura glaciale.

In battaglia Glaceon è anche un buon alleato: con un moveset molto interessante (impara semplicemente salendo di livello mosse come Gelodenti e Bora, e tramite l’uso di MT, Iper-Raggio, Palla Ombra e Gigaimpatto) e l’Attacco Speciale più alto tra tutti i Pokémon di Ghiaccio (sì, più altro di Articuno! Ma uguale a quello di Kyurem) possiamo definire Glaceon davvero un Pokémon d’attacco (al contrario di Leafeon, che ho allenato personalmente e che si è rivelato essere un pollo.)

Il nome di Glaceon viene fuori dall’unione della parola inglese “glacier” (ghiacciaio) più il suffisso -eon, comune a tutte le Eevoluzioni, che altro non è che il nome-prototipo di Eevee.

Nell’anime Glaceon compare veramente poco: a parte qualche cameo nei vari film di Diamante & Perla, fa il suo debutto nella squadra di Vera per qualche episodio. Sappiamo quindi che si tratta dell’Eevee che Vera aveva con se nel viaggio a Kanto.

Prima di concludere, vorrei farvi una domanda: ma come diamine lo pronunciate voi il nome di Glaceon? Per pronunciarlo in maniera corretta bisognerebbe chiamarlo [gleision], ma sarebbe accettabile anche un [glesion] o al limite un italianizzato [glasion]. Ma ahimè, nonostante il mio “essere” linguista, ammetto non senza vergogna che molto spesso mi scappa un tremendo [glaceon]. Ahahaha!

A presto, spero!
GreatMickey